STUDIO ASSENTI – ASSEVERATORI DI CONFORMITA’ RAPPORTI DI LAVORO

AsseCo

Con Asse.Co. dai Consulenti del Lavoro il bollino blu sui rapporti di lavoro

 

Asseveratori di Conformità e Regolarità dei rapporti di lavoro
Il 15 gennaio 2014 nasce l’Asse.Co., l’asseverazione rilasciata dai Consulenti del Lavoro per certificare la regolarità delle imprese nella gestione dei rapporti di lavoro e al tempo stesso promuovere e diffondere la cultura della legalità.

L’impresa si apre al sistema di controllo privato  con il  controllo di gestione del proprio personale per essere considerata un’azienda virtuosa , tanto da poter essere praticamente “esclusa” dai controlli in  materia di lavoro e contributi grazie al Protocollo_CNO-IspettoratoNazionale_ASSECO

vedi tabella asseco_tabella

Lo Studio Assenti è abilitato alla asseverazione.
Per ogni informazione potete rivolgervi ai seguenti nn.:
* Servizio clienti      0735-595006
* Tel. fax                0735- 593300

verifica qui gli studi abilitati nella tua provincia

Asseverare i rapporti di lavoro mette al riparo da controversie

On line la piattaforma per la procedura di asseverazione dei rapporti di lavoro (Asse.Co.). Con Asse.Co. datori e lavoratori al riparo da controversie. Il lavoro sommerso resta nel mirino dell’attività ispettiva del ministero del lavoro. Dai dati forniti dal Ministro del lavoro, il 2014 si è chiuso con 221.476 aziende ispezionate. Cresce il lavoro sommerso: su 181.629 lavoratori irregolari ben 77.387 sono risultati totalmente in nero (circa il 42% rispetto al 36% del 2013) per un ammontare tra contributi e premi evasi nel 2014 pari a 1,508 miliardi di euro, con un aumento del 6,1% rispetto all’anno precedente. Per non parlare delle gravose sanzioni per le aziende, soprattutto dopo l’entrata in vigore della legge 9/2014 che ha inasprito il regime.

Benefici per i datori di lavoro grazie alla procedura Asse.Co.

Asseveratori di conformità rapporti di Lavoro

Grazie all’asseverazione dei rapporti di lavoro i Consulenti del lavoro provano ad incentivare il lavoro regolare ed aiutare l’attività ispettiva del ministero.

Le aziende dotate di Asse.Co. potranno ottenere due benefici immediati: la riduzione della possibilità di avere un’ispezione e la certezza della regolarità della posizione aziendale, qualora l’azienda rientri fra quelle scelte a campione.

In che cosa consiste la procedura Asse.Co.

A seguito del Protocollo d’intesa siglato tra Ministero del Lavoro e Consiglio Nazionale dell’Ordine, è già operativa la piattaforma predisposta dalla Fondazione Studi Consulenti del Lavoro che permette ai Consulenti di “asseverare” la regolarità contributiva e retributiva delle imprese nella gestione dei rapporti di lavoro, semplificando gli adempimenti e promuovendo al tempo stesso la cultura della legalità.

Con l’ottenimento della conformità contributiva e retributiva, le aziende “certificate” entreranno a far parte dei criteri di selezione dell’attività ispettiva del Ministero del Lavoro, che terrà conto delle aziende “asseverate” nella definizione degli accertamenti e potrà utilizzare l’asseverazione anche per la verifica delle regolarità delle imprese negli appalti privati.

Come si svolge la procedura

Asse.Co. sarà rilasciata dal Consiglio Nazionale dell’Ordine, su istanza volontaria del datore di lavoro, sulla base di due dichiarazioni di responsabilità: una del datore di lavoro sulla non commissione di illeciti nell’anno precedente l’istanza (lavoro minorile, tempi di lavoro, sicurezza sul lavoro, lavoro nero); l’altra del Consulente del Lavoro sulla sussistenza dei requisiti per il rilascio del Durc e sul rispetto della contrattazione collettiva. L’elenco delle aziende che otterranno l’asseverazione sarà pubblicato sul sito del

Regolarità dei rapporti di Lavoro

Bollino blù per le imprese
Ministero del Lavoro e del Consiglio Nazione dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro.

Il Consulente del lavoro “asseveratore”

Il Consulente “asseveratore” è sinonimo di legalità, da un lato, per via della sua iscrizione ad un Ordine sottoposto alla vigilanza del Ministero del lavoro e, dall’altro, e per l’adeguata preparazione specifica.

This entry was posted in Normativa, Notizie, Prassi, Utilità. Bookmark the permalink.

Comments are closed.